Recensioni

Home page

giovedì 23 novembre 2017

SEGNALAZIONE - BERSERKR

TRAMA

Berlino, inizio del terzo millennio. La Guerra Calda è finita, gli Accordi dell’89 sono stati firmati e la città è stata divisa in sette zone, ciascuna assegnata a una delle antiche stirpi. All’interno della ringbahn vivono gli uomini, protetti dalla Divisione, incaricata di mantenere la pace e impedire sconfinamenti e scontri tra le stirpi. Misteriosi omicidi, provocati da sconosciute creature sovrannaturali, iniziano però a verificarsi in tutta la città, rischiando di frantumare il delicato equilibrio raggiunto. La Divisione incarica Ulrik Von Schreiber di indagare, aiutato dal pavido collega Fabian, ben sapendo quanto abbia a cuore il mantenimento della pace. Ma Ulrik non è soltanto un cacciatore, incarna lo Spirito Protettore della Città, l’Orso di Berlino, che non attende altro che liberare la propria furia.



"Berserkr" è un romanzo pubblicato a Novembre del 2017 al Pisa Book Festival.  E' di genere Urban Fantasy e lo potete trovare in tutti gli store di libri in particolare:




Potete trovare il romanzo al costo di 14,90 euro. 



BIOGRAFIA DELL'AUTORE

Alessio Del Debbio, scrittore viareggino, appassionato di tutto ciò che è fantastico e oltre la realtà. Numerosi suoi racconti sono usciti in riviste (come Con.tempo e StreetBook Magazine) e in antologie, cartacee e digitali (come I mondi del fantasy, di Limana Umanìta Edizioni,Racconti Toscani, di Historica Edizioni, Sognando, di Panesi Edizioni). I suoi ultimi libri sono il romanzo Favola di una falena (Panesi Edizioni, 2016) e i fantasy contemporanei Ulfhednar War – La guerra dei lupi (Edizioni Il Ciliegio, 2017) e Berserkr (Dark Zone, 2017).
Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori di fantasy italiano. Scrive articoli per il portale di letteratura fantastica “Le lande incantate”. È presidente dell’associazione culturale “Nati per scrivere” che sostiene gli scrittori emergenti, soprattutto locali, e d’estate organizza la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari a Viareggio, per far conoscere autori toscani.


OPINIONI PERSONALI

Libro assolutamente da non perdere per tutti gli amanti dell'avventura e dei fantasy contemporanei!
Perfetto per iniziare con il botto il nuovo anno che si avvicina, giorno dopo giorno, sempre di più!



Per scoprire qualcosa di più sull'autore e sulla sua opera potete dare uno sguardo ai seguenti profili social: 

Pagina Facebook “I mondi fantastici – Alessio Del Debbio”https://www.facebook.com/alessio.deldebbio/
Blog “i mondi fantastici”www.imondifantastici.blogspot.it

Il mio sito: www.alessiodeldebbio.it
Il mio blog: www.imondifantastici.blogspot.it
Associazione Culturale "Nati per scrivere: www.natiperscrivere.webnode.it 





mercoledì 22 novembre 2017

COLLEEN HOOVER - BOOK TAG

Salve a tutti Amanti dei libri!!
Oggi sono qui per proporvi il "Colleen Hoover - Book Tag"!!
Questo Book Tag l'hanno creato le dolcissime e bravissime Arianna del canale little black bookshelf e Martina del canale Books and Tea. 
Mi è piaciuto davvero tanto questo Book Tag e mi sono detta perchè non farlo?

Basta perderci in chiacchiere e venite a scoprire con me le mie risposte!!




1) HOPLESS: SAI DI ESSERE UN LETTORE SENZA SPERANZA, QUALI TRA LE PROSSIME USCITE COMPRERAI DI SICURO?

In realtà non ricordo se questo libro è già uscito oppure no, fatto sta è che LO VOGLIO!!

Secondo me è il libro perfetto per dare il benvenuto al mese di Dicembre e per cominciare ad entrare totalmente nella magia che ci circonderà tra pochissimo... la Magia del Natale! 

Non vedo l'ora che arrivino quei giorni pieni di luce e colori!

TRAMA

  Ogni anno Lucy scrive a Babbo Natale, ma pian piano la sua fede inossidabile cede il passo al dubbio: come può un vecchietto panciuto infilarsi dentro i camini e portare regali in tutto il mondo? Lucy vorrebbe chiederlo proprio a lui, ma si trattiene. Fino alle feste dei suoi otto anni, quando scrive non più la solita letterina, bensì un messaggio a sua madre: “Cara mamma… sei tu Babbo Natale?”. Ciò che riceve in risposta è una verità commovente, rivelatrice e intrisa di tutta la magia del Santo Natale. 


2) MAYBE SOMEDAY: UN LIBRO CHE NON TI SENTI DI LEGGERE NELL'IMMEDIATO PRESENTE, MA CHE FORSE UN GIORNO LEGGERAI.


Più che un libro vi parlo di una trilogia famosissima. La trilogia di Hunger Games.
Ricordo il periodo in cui si parlava solamente dei libri e dei film e di quanto successo ebbero in quell'anno! All'inizio ero curiosissima di leggerli ma, con il passare del tempo, mi è calata la curiosità di immergermi in questa storia..sapete perchè? Perchè delle care. bravissime persone mi hanno fatto degli Spoiler allucinanti!! (Esiste un girone all'inferno anche per voi, spoileristi maledetti!!) Chissà, forse un giorno la leggerò questa trilogia ma, per ora, non è ancora arrivato il suo momento.


3) MAYBE NOT: UN LIBRO DI CUI AVEVI BASSE ASPETTATIVE MA CHE POI SI E' RIVELATO ESSERE UNA PIACEVOLE SORPRESA.

In realtà non avevo basse aspettative per questo romanzo anzi, non mi aspettavo assolutamente nulla!
Sono rimasta particolarmente sorpresa invece di scoprire una storia così intrigante, misteriosa e piena di sentimenti.

Se volete scoprire qualcosa in più su questa storia vi lascio il link della mia recensione perchè questo è un libro che non va sottovalutato.






4) L'INCASTRO (IM)PERFETTO: UN LIBRO IN CUI C'E' LA TUA SHIP PREFERITA E UN LIBRO IN CUI CI SONO DUE PERSONAGGI CHE PROPRIO NON RIESCI A VEDERE BENE INSIEME. 

Quando ho letto questa domanda la prima ship che mi è venuta in mente sono sicuramente il Mostro e Xan dal libro La bambina della luna e delle stelle.
Dal primo momento che li ho "visti" mi sono sentita invadere da una profonda dolcezza e tenerezza senza precedenti.
Quando penso a loro due non posso non sorridere come una ebete,
sono stupendi!

Ma altrettanto stupendo è la storia che si cela all'interno di questo libro!!

Anche di questo romanzo vi lascio la recensione che vi consiglio caldamente di andare a leggere per scoprire qualcosa in più su questa magica storia che, sono sicura, vi catturerà!


Per quanto riguarda i due personaggi che non riesco a vedere insieme in realtà non esistono.
Sono stata mezz'ora a guardare la mia libreria e mi sono resa conto che sono soddisfatta di tutte le coppie che si sono formate all'interno dei vari romanzi.


5) CONFESS: UN LIBRO CHE CONFESSI DI AVER AMATO ALLA FOLLIA.

Per non risultare banale e rispondendo sempre con gli stessi titoli ho deciso di tirar fuori il romanzo di Mitch Albom.
Io mi aspettavo già, prima di leggerlo, che mi sarebbe piaciuta questa storia ma mica mi aspettavo che mi sarebbe piaciuta così tanto!

Mi ha letteralmente stregata questa storia ed è riuscita a tirar fuori tante di quelle emozioni che sono rimasta sconcertata a dire il vero ahah.











6) NOVEMBER 9: UN LIBRO PERFETTO DA LEGGERE IN AUTUNNO.

Molto probabilmente sono i colori della copertina ad ispirarmi ma credo che sia molto azzeccato leggere Elodie e il signore dei sogni in questa stagione autunnale.

Una storia che mi ha accompagnata durante la mia infanzia e che è riuscito ha trasportarmi in un mondo fatto di situazioni strambe ed incredibili!
Mi ha ricordato moltissimo Alice nel Paese delle Meraviglie ora che ci penso bene. 











7) IT ENDS WITH US: UNA SERIE CHE NON HAI PIÙ INTENZIONE DI FINIRE.

Purtroppo ho perso parecchio interesse per questa trilogia che riguardano gli Angeli.

Era estate quando comprai questo romanzo e, appena lo conclusi, mi era piaciuto tantissimo. Non avevo comprato subito il secondo perchè era in copertina rigida e, visto che avevo iniziato questa serie in copertina flessibile, volevo terminarla in copertina flessibile! (Si lo so, sono abbastanza maniaca per quanto riguarda le edizioni ma non fateci tanto caso ahahah). 

Per concludere, ci hanno messo anni per far uscire le edizioni che volevo e alla fine ho perso interesse per questa storia.








8) WITHOUT MERIT: UN LIBRO CHE TI HA STUPITO PER LA SUA PARTICOLARITÀ.

 Il libro che mi ha stupito per la sua particolarità è sicuramente Scrivimi ancora. 

Beh, non sarà particolarissimo però, quando lo comprai, mi piacque un casino per il modo in cui viene narrata la storia!
Infatti la storia viene narrata attraverso lettere, e-mail e messaggi sul cellulare!
Io quando vedo queste cose mi s'illuminano gli occhi e non posso non prenderlo in considerazione!! 






























Eccoci arrivati alla fine Amanti dei libri!! Spero che questo Book Tag e le mie risposte vi siano piaciute!
Per scoprire chi ho taggato non vi resta che andare sulla mia pagina Instagram ilprofumodelleparole!!
Io vi mando un grosso bacio e ci rivediamo al prossimo post, ciaoo!!














lunedì 20 novembre 2017

LA BAMBINA DELLA LUNA E DELLE STELLE - RECENSIONE



TITOLO: La bambina della luna e delle stelle
AUTRICE: Kelly Barnhill
CASA EDITRICE: DeA
PREZZO: 14,90 euro
VOTO: 4 ★★★★



TRAMA

Ogni anno, all'alba del Giorno del Sacrificio, gli Anziani del Protettorato abbandonano un neonato ai margini della città. E' un'offerta di pace per la strega che si nasconde nella foresta. Quello che gli Anziani non sanno, però, è che Xan, la strega, è buona. Così buona da dividere la sua casa con il vecchio Mostro dello Stagno e un dispettoso Drago Perfettamente Piccolo. Così buona da prendersi cura, anno dopo anno, dei piccoli abbandonati. Li raccoglie, li protegge, li nutre con la luce delle stelle e li accompagna dall'altra parte della foresta per affidarli a genitori amorevoli.
Ma tutto cambia la notte in cui Xan commette un terribile errore: invece della luce delle stelle, fa bere alla bambina che ha appena salvato la luce della luna, regalandole così meravigliosi poteri magici. Incapace di separarsi da quella piccina con occhi neri come lo spazio infinito e la pelle luminosa come ambra, la strega decide di allevarla come una figlia e la chiama Luna.
Luna cresce felice in riva allo Stagno, circondata dall'amore di Xan, dall'amicizia del Drago e dalle poesie del saggio Mostro, ma ignara degli straordinari poteri ricevuti in dono. Fino al giorno del suo tredicesimo compleanno, quando la magia si sprigiona in tutta la sua forza... Luna sarà in grado di gestirla? E riuscirà a smascherare la vera strega cattiva, decisa a prosciugare il mondo di ogni felicità?


COMPRENSIONE 

Quando ho scoperto l'esistenza di questo romanzo edito dalla DeA che, non ringrazierò mai abbastanza per avermi dato l'onore di poterlo leggere e scoprire, mi si sono illuminati gli occhi...il motivo? Semplice, la protagonista è una bambina!!
Probabilmente vi sarete accorti che io prediligo maggiormente storie che hanno come protagonista bambini o semplicemente romanzi in cui si parla di loro. 

Ma adesso parliamo del romanzo.

Come avrete potuto carpire dal mio profilo Instagram e qui sopra, Amanti dei libri, questo romanzo non mi è solo piaciuto... ma di più!
La cosa che più ho amato di questo libro sono le sensazioni che mano a mano crescevano durante la lettura della storia. 
E' riuscito grazie alle ambientazioni e ai personaggi, soprattutto i personaggi, a farmi ritrovare tutte quelle emozioni che non provavo da tanto tempo cioè da quando ero piccola.

E' una storia di pura magia!

Una storia che non deve essere sottovalutata perchè molte volte capita che un libro se è indirizzato a un pubblico per ragazzi o bambini allora non deve essere preso in considerazione... è sbagliatissimo pensare così!!
Anzi, sono proprio questi i libri che insegnano davvero, forse anche più dei romanzi "seri" o "per adulti" se vogliamo definirli così. 

Mi sono piaciuti tutti e dico tutti i protagonisti di questa fiaba, perchè si è una bellissima fiaba, e sono stati caratterizzati non tanto in profondità però, in questo caso non è un male perchè, per come la vedo io, a noi lettori da il modo di usare appieno la nostra immaginazione e fantasia per riuscire a scoprire più a fondo i pensieri e le varie emozioni che delineano la vicenda dei vari personaggi della storia.

Questo romanzo affronta vari temi e tra questi ne abbiamo uno particolarmente importante come quello dell'amore verso la propria famiglia, questo legame così forte, potente e indistruttibile che non potrà mai e poi mai diminuire o scomparire;

Altro tema importante è lo studio, vedere come sapere certi argomenti che possono essere le scienze, l'astrologia, la matematica possano in qualche modo aiutare non solo noi stessi per una propria cultura personale ma anche per chi ci sta intorno e ha bisogno del nostro aiuto attraverso le nostre conoscenze;

E, per finire, l'altro tema è quello della diversità, saper apprezzare, amare qualcuno di diverso da noi!
 Il nostro Mostro dall'aspetto pauroso e abbastanza disgustoso, non vuol dire che sia davvero un Mostro anzi!
Solamente perchè il Drago Perfettamente Piccolo non è grosso e potente non vuol dire che non sia potente nell'animo e nel cuore.

Un'altra cosa che mi è piaciuto immensamente di questo libro sono le poesie che il Mostro evoca all'interno della storia.
Sono stupende e mi hanno addirittura commossa!
E' stato a dir poco emozionante!

E' inutile dire che vi consiglio altamente questo romanzo, non potete assolutamente farvelo sfuggire!! 



 Vi lascio con una delle mie poesie preferite di questa magica avventura: 







Il cuore è fatto di luce delle stelle
E tempo.
Un pizzico di nostalgia perso nell'oscurità.
Una corda mai spezzata che lega l'Infinito all'Infinito.
Il mio cuore affida un desiderio al tuo, e quel desiderio sarà esaudito.
Nel frattempo, il mondo gira.
Nel frattempo, il mondo si espande.
Nel frattempo, il mistero dell'amore si rivela, ancora una volta, nel mistero che sei tu.
Sono andato via.
Ritornerò. 






    





Eccoci arrivati alla fine Amanti dei libri!! Spero tanto che la recensione vi sia piaciuta! Vi ricordo che potete trovarmi su Instagram con il nome ilprofumodelleparole!!
Vi mando un grosso bacio e ci  rivediamo al prossimo post, ciaoo!!

mercoledì 15 novembre 2017

IL BAMBINO CON IL CUORE DI LEGNO - RECENSIONE

    TITOLO: Il bambino con il cuore di legno
AUTORE: John Boyne
CASA EDITRICE: Rizzoli Romanzo.
PREZZO: 12,00 euro 
VOTO: 5 ★★★★★


TRAMA

Noah è scappato. Via da casa, dai suoi genitori, da una domanda a cui non sa rispondere. Via, verso il bosco, per allontanare i cattivi pensieri, battere sentieri inesplorati e vivere un'avventura indimenticabile.
In quel suo vagabondare, Noah inciampa in luoghi misteriosi e strane figure. E finisce in un negozio di giocattoli diverso da tutti quelli che ha conosciuto in vita sua, dove gli scaffali risuonano di magia e i giochi hanno un'anima. E lì, tra marionette che sembrano vive e scatole chiuse da anni, Noah incontra un anziano signore che sembra aspettare solo lui. L'anziano signore ha una storia da raccontargli, una storia di grandi avventure, sorprese belle e brutte, promesse non mantenute. Noah non lo sa ancora, ma quella storia gli cambierà la vita.
E forse la cambierà anche a noi.


CONSIDERAZIONI

Ho scoperto John Boyne grazie alla sua opera più celebre ovvero Il bambino con il pigiama a righe libro che avevo letto l'anno scorso e non mi aveva fatto propriamente impazzire poi, quasi per caso, ho deciso di rileggerlo e me ne sono completamente innamorata. 
A quanto pare l'anno scorso non era stato il momento più adatto per affrontare una lettura così intensa.

E, visto che mi è piaciuto così tanto ho avuto il bisogno, la necessità di affrontare e scoprire un'altra sua opera e il destino, per fortuna, ha voluto che mi imbattessi con Il bambino con il cuore di legno. 

Io di questo romanzo non avevo nè aspettative alte ma neanche aspettative basse, ero semplicemente curiosa di imbattermi nell'incredibile avventura del nostro piccolo protagonista. 

Noah è un bambino come tanti altri. E' un bambino che affronta la vita come tanti altri bimbi della sua età. 
O forse no.

E' curioso, intelligente e molto coraggioso. 

Così coraggioso che decide di andare a vivere un'avventura.
Un'avventura fatta di creature bizzarre, alberi molto particolari e di un negozio..

Un negozio di giocattoli. 

Un negozio che sicuramente se io tornassi bambina desidererei con ogni fibra del mio essere entrarci almeno una volta nella vita.
E sinceramente, desidero andarci anche adesso che ho 19 anni. 
Desidero con tutto il cuore varcare quella porta e immergermi nel caldo e profondo odore del legno e sfiorare (sempre se loro me lo permettono) le meravigliose marionette esposte sugli scaffali. 

Vorrei stare al fianco di Noah  incontrare l'anziano signore, il proprietario del negozio. 
Il creatore dei giocattoli di legno. 
Starei ore e ore ad ascoltare le sue innumerevoli avventure.

Mi piacerebbe tantissimo conoscerlo ma, pensandoci bene, noi tutti, miei cari lettori, lo conosciamo già.

Almeno una volta, nella nostra infanzia, l'abbiamo incontrato...
Dobbiamo solo ritrovarlo nei meandri dei nostri ricordi.


Questo è una storia che deve essere almeno letta una volta nella vita.
Affronta temi importantissimi ed estremamente attuali. E, grazie al magnifico, innocente stile di scrittura dell'autore, vivrete quest'avventura in una maniera così semplice ma allo stesso tempo profonda che non potrete non apprezzarlo. 





Eccoci arrivati alla fine Amanti dei libri, spero che questa recensione vi sia piaciuta! 
Avete letto questo romanzo? Fatemelo sapere o giù nei commenti o sulla mia pagina Instagram Ilprofumodelleparole!!
Io vi mando un grosso bacio e ci rivediamo a un prossimo post,
ciaoo!!







domenica 12 novembre 2017

LIBRI CHE NON HO MAI FINITO DI LEGGERE

Salve a tutti Amanti dei libri!!
Oggi sono qui per farvi scoprire tutti quei libri che, per un motivo o per un altro, non sono mai riuscita a concludere!
Siete curiosi?

Venite con me e scopriamo insieme i libri che, probabilmente, non saprò mai come finiranno!!






Questo libro lo comprai molto tempo fa in una bancarella e ricordo che aveva tantissime copie di questo romanzo.
La trama era molto interessante (vi ricordo che all'epoca leggevo solamente storie d'amore) e quindi mi sono detta perchè no!
Tornai a casa e iniziai subito a leggerlo. Le prime pagine mi stavano piacendo molto, però andando avanti, la storia stava diventando molto angosciosa e io, all'epoca, non andavo pazza per queste storie così tristi quindi lasciai perdere..
Poi una volta cresciuta un pochino, lo ripresi in mano e lo ricominciai ma anche quella volta mi bloccai.
Purtroppo tra noi due non è scoccata la scintilla ahah


  TRAMA

 1915. Bess Heath ha diciassette anni e fino a questo momento ha vissuto un'esistenza agiata e protetta. Ora, alla fine dell'anno scolastico alla Loretto Academy, è impaziente di tornare in famiglia a Niagara Falls. Ma nulla, nella sua bella casa, è più come quando l'aveva lasciata: il padre ha perso il lavoro alla centrale idroelettrica di cui era direttore, la madre è ridotta a fare la sarta per le signore della buona società di cui fino a poco tempo prima frequentava i salotti e Isabel, l'amatissima sorella più grande di lei, è il fantasma di se stessa: si è chiusa nella sua stanza e non mangia quasi niente, tormentata da qualcosa. Durante una passeggiata lungo il fiume, l'incontro con un giovane di nome Tom Cole le provoca emozioni mai provate prima, una timidezza inattesa e una strana, incontrollabile felicità. A poco a poco quegli appuntamenti clandestini con "l'uomo del fiume", circondati solo dallo splendore della Natura, diventano per Bess una ragione di vita. Incolto e impavido, Tom vive di ciò che gli dà il fiume e possiede una misteriosa capacità di predire il comportamento delle cascate. Nei suoi occhi verdi Bess vede un uomo che sa amare e proteggere la Natura, come potrebbe amare e proteggere lei. Però Tom non appartiene al suo mondo. E arriva il giorno in cui la ragazza si trova costretta a fare una scelta, dolorosa, tra ciò che ardentemente desidera e ciò che è meglio per la sua famiglia e il suo futuro.


Qui sorge lo stesso problema del libro Nei tuoi occhi verdi come il fiume. 
Storia romantica ma molto triste e, ripeto, che prima non riuscivo proprio a tollerare queste storie abbastanza drammatiche e, ricordo anche, che le prime pagine le trovai un po' lente... ma a differenza di quell'altro voglio dare assolutamente un'altra possibilità a questo romanzo.
Ho visto alcune recensioni dove ne hanno parlato benissimo!
E poi, adesso che sono più maturata (per modo di dire ahah), credo di riuscire a sopportare molto meglio (diciamo) il dolore che sicuramente troverò tra le pagine di questo romanzo. 

TRAMA

Normandia, 1918. Léon e Louise amano pedalare controvento verso l'oceano. Verso quel piccolo antro tra gli scogli, sferzato dalle correnti, il loro rifugio, il loro nido. Lì, di fronte alla vastità dell'orizzonte, tutto è possibile. È possibile amarsi, con la spensieratezza e l'intensità dei loro sedici anni. È possibile immaginare un futuro insieme, lontano dalla guerra, dalle detonazioni, dalla morte. E sancire la loro unione con una promessa: "Ora e per sempre". Ma per quanto si illudano di tenerla lontana, la guerra è vicina, fin troppo vicina a loro. Sulla strada del ritorno una bomba li divide. Léon crede che lei sia morta e così Louise di lui. Eppure l'eco di quella promessa fatta tra le onde è destinata a durare ancora a lungo. Dieci anni dopo, a Parigi, mentre insorgono i presagi di una nuova guerra, Léon si è rifatto una vita. Ma una sera tutto cambia: il metrò è affollato, eppure nell'istante in cui i due vagoni si sfiorano, Léon la vede, nell'angolo del vetro libero vicino alla porta. Gli stessi occhi verdi, le lentiggini e i folti capelli scuri, l'immancabile sigaretta, come allora. Ne è sicuro: quella è la sua Louise. A separarli solo un metro d'aria e due finestrini. E due vite che hanno ormai preso direzioni diverse: lui ha moglie e famiglia, e lei ha scelto di stare da sola, fiera della propria indipendenza. Ma non importa. Anche se il futuro è pronto a dividerli di nuovo, ci sarà sempre un momento, un giorno, un istante in cui si rincontreranno.


Questo romanzo l'avevo comprato ad occhi chiusi per quanto mi incuriosiva e affascinava. Avevo all'incirca 10 anni quando lo comprai ed ero felicissima. 
Anche qui la storia vera di questa bambina è molto drammatica (Mio Dio ma prendevo solo storie drammatiche? Ero già una masochista da piccola insomma ahahah) e piena di coraggio ma, per quanto mi sforzassi, non riuscii a finirlo.
Lo presi più e più volte in mano ma a un certo punto mi bloccavo e, sinceramente, non so il perchè. 
Mi dispiace molto per questa cosa, perchè secondo me, è un libro che dovrebbero leggere in molti.

TRAMA

Questo non è il racconto dell'onda furiosa della Grande Storia sul destino di un popolo. Non solo questo. È una storia piccola, che ha il nome e il volto di una bambina. Zubaida vive nel deserto dell'Afghanistan, in un villaggio che la "guerra al terrore" non ha ancora travolto. Ha nove anni. Non sa niente del mondo oltre il suo villaggio, poco della travagliata storia del suo paese, dei cingolati dell'Armata Rossa, della lotta dei mujaheddin, del regime dei talebani che ha proibito anche gli aquiloni, degli elicotteri con la bandiera a stelle e strisce. Cammina danzando, a piedi nudi, al ritmo di una musica che le suona dentro. Ma non dopo quel giorno. Non da quando un terribile incidente le ha ustionato le mani, il viso, il corpo. Da allora, la musica si è spenta. In un paese privo della più elementare assistenza medica, e in cui la vita di una figlia femmina vale ben poco, non sembra una fortuna che Zubaida sia sopravvissuta. Ma non per suo padre, non per l'ostinata determinazione di un uomo disposto a tutto pur di non arrendersi. Dovesse camminare fino all'inferno per salvare quella bambina ferita, piagata, fasciata in mille bende, che ora urla per affermare la propria esistenza. Fino ai campi militari degli americani, con le loro regole incomprensibili. Fino a oltrepassare la linea di demarcazione tra due culture, tra "loro" e "gli altri". Perché Zubaida possa tornare a danzare al ritmo della sua musica.


Sento già che mi stanno per arrivare i pomodori in faccia ma è vero..
Non sono mai riuscita a finire questo romanzo e non perchè è drammatico ma proprio perchè mi sentivo (e mi sento) male s leggere i pensieri e le paure di Anna. Ho una stretta al cuore che non potete neanche immaginare ma, vi prometto che prima o poi, riuscirò a portarlo al termine, perchè è un libro che merita di essere letto fino alla fine.

TRAMA

Anne nasce a Francoforte sul Meno nel 1929, da genitori di origine ebraica, a pochi anni di distanza dalla sorella Margot. Nel 1933, preoccupata per la politica razziale della Germania nazista, la famiglia si trasferisce ad Amsterdam. Quando anche l'Olanda viene occupata dall'esercito tedesco, per i Frank diventa sempre più complicato non farsi trovare durante i rastrellamenti. Il padre di Anne decide perciò di nascondersi insieme alla famiglia in un alloggio ricavato nel retro della sua fabbrica, accogliendo anche Hermann van Pels con la moglie e il figlio Peter e, poco dopo, il dentista Fritz Pfeffer. Nell'Alloggio segreto, Anne prosegue la stesura del suo diario personale (ricevuto in regalo il giorno del suo tredicesimo compleanno), come un epistolario indirizzato a un'amica immaginaria. Vi annota pensieri e riflessioni intime, racconta quello che accade ogni giorno: la paura della guerra, i suoi sentimenti per Peter, il conflitto con i genitori e il desiderio di diventare una scrittrice una volta tornata la pace. 


Questo libro lo volevo leggere da un sacco di tempo! E' praticamente un classico per ragazzi ma, ovviamente, l'ho mollato.
Le prime pagine mi hanno annoiato abbastanza e non riuscivo a trovare alcuna simpatia nè per il bambino e nemmeno per gli altri personaggi. 
Spero un giorno di ricredermi e di dare un'altra chance a questa storia che è amata da tantissimi. 

TRAMA

Ogni giorno Giannino Stoppani, detto Gian Burrasca, annota in un diario gli avvenimenti della sua vita e della vita della sua famiglia. Naturalmente, poiché è stato educato a non mentire mai, dice sempre la verità, anche quella che non dovrebbe o potrebbe dire, o che le sorelle e i loro fidanzati, poi mariti, non vorrebbero si sapesse. E, certo, combina un sacco di guai per merito dei quali viene chiuso nel collegio Pierpaoli dove non solo non si educa, bensì diviene l'anima di una ribellione contro la falsa e tirannica disciplina che vi è imposta da una ridicola ma prepotente coppia di proprietari-direttori. Il diario diviene così la protesta e la rivolta di un ragazzo contro il mondo conformista e soffocante dei ''grandi''. Non per nulla Vamba dedicò il Giornalino ''ai ragazzi d'Italia perché lo facciano leggere ai loro genitori''. Diffusa in ogni pagina del diario c'è una scintillante comicità tutta toscana.


Ecco un'altra mia grande vergogna..
E' amato da tantissimi, lo venerano come non ci fosse un domani e poi ci sono io, la pecora nera della situazione.
Avevo letto le prime 50 pagine e l'ho trovato lentissimo! Ogni tre secondi sbadigliavo.. è stata una vera tortura. 
Non so se avrò mai il coraggio di continuare la storia, al massimo mi vedrò il film che, mi rendo conto che non è la stessa cosa, ma sempre meglio di niente. 

TRAMA

Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell'estate del 1922. Affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, brulicante di nuovi ricchi disperatamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino di casa colpisce Nick in modo particolare: si tratta di un misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure vive in una disperata solitudine e si innamorerà insensatamente della cugina sposata di Nick, Daisy...






Eccoci arrivati alla fine Amanti dei libri!! Spero che il post vi sia piaciuto!! Avete letto questi libri? Dovrei dare a qualcuno di questi un'altra possibilità?
Se si, fatemelo sapere qui sotto in un commento o sulla mia pagina Instagram: ilprofumodelleparole. 
Vi mando un grosso bacio e ci rivediamo al prossimo post, ciaoo! 










mercoledì 8 novembre 2017

PRINCESS - RECENSIONE


TITOLO: Princess
AUTRICE: Lauren Kate 
PREZZO: 17,00 euro
CASA EDITRICE: Rizzoli Romanzo 
VOTO: 2 ★★


TRAMA 

Natalie Hargrove è bellissima, intelligente, ha un fidanzato ricco che l'adora, Mike. C'è solo una cosa che ancora manca: il titolo di Principessa della Palmetto High School. Per ottenerlo è disposta a tutto. E ora che lei e Mike sono a un passo dalla vittoria, nulla deve mettere a rischio la loro incoronazione. Tanto meno Justin Balmer - la cui semplice vista risveglia in Nat ricordi sgraditi - e le sue mire allo scettro di Principe della scuola. Ma forse è venuto il momento per l'affascinante e misterioso Justin di saldare i suoi conti in sospeso con Nat. E quale occasione più adatta di una festa ad alto tasso alcolico per mettere in scena la vendetta? Ma qualcosa, nei piani di Natalie, va storto: quello che doveva essere uno scherzo ai danni del bulletto assume i contorni della tragedia, il mondo di Natalie crolla pezzo dopo pezzo, sfuggendo irrimediabilmente alle sua manie di controllo. 


CONSIDERAZIONI 

Questo romanzo è stato un grande MA CHE CAZZ.. (scusate il termine). 
Quando ho finito di leggere questa storia sono rimasta parecchio interdetta ma 
iniziamo a parlare dei protagonisti.

La protagonista, Natalie, quando mi è stata sulle balle che non avete neanche idea!
Gli aggettivi per descriverla poi.. è viziata, stronza, egoista, arrogante, e tanti tantissimi altri!!
A questa qui gli manca proprio il cervello!!
Cioè ha appena commesso una cosa orribile, orribile, e tu cosa fai??
Penso ad ottenere il ruolo di Principessa?
Ma tu hai qualche problema grave ma davvero GRAVE!! 

Il suo fidanzato, Mike, è un santo. 
Quel povero disgraziato che ha fatto di male per stare con una come quella io non lo so. 
E' abbastanza scemo pure lui, però è un bravo ragazzo in fondo..
Si è fatto fare il lavaggio del cervello da quell'arpia!

Poi c'è Justin, viene descritto come un bulletto.. a me mi è parso tutto tranne che un bulletto ma vabbe..
E' stato abbastanza insignificante come personaggio, non mi ha detto proprio niente..

Poi ricordo che c'era una tizia, una specie di chiaroveggente, dentro i bagni della scuola dove la Viziata andava spesso a consultarsi.. devo capire ancora capire il ruolo che ha avuto sta tizia nella storia.

Ma il problema non è solo dei personaggi ma tutta la storia in sè!
La storia è stato un miscuglio di cose che alla fine non ci stavo a capendo niente. 
Poi, per non parlare, della famosa tragedia, che sinceramente è stata prevedibile..
Si capisce già dalla trama che qualcuno ci lascerà..

E poi vogliamo parlare della fine??
Cioè MA CHE CAZZ..
In realtà dovevo essere abbastanza contenta di quello che succede ma in realtà è stata così "improvvisa" la cosa che mi ha lasciata basita. (Ovviamente in senso negativo eh..)
Mi viene solo da dire una cosa...

Quanto mi dispiace per quel povero disgraziato di Mike...

Lo stile di scrittura dell'autrice, Lauren Kate, è semplice e abbastanza scorrevole. Nulla di eccezionale ma neanche da scartare del tutto. 
Mi chiedo come gli sia venuto in mente di scrivere questo libro visto che non ha nessun senso!
Non si può nemmeno definire libro trash perchè sarebbe un complimento.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

Comunque, se siete curiosi di leggerlo vi do una bellissima notizia..
Questo libro è in SCAMBIO quindi se volete una lettura no sense e che vi faccia abbastanza incazzare potete contattarmi tranquillamente!




Eccoci arrivati alla fine Amanti dei libri!!
Spero che il mio sclero vi sia piaciuto! Avete letto questo libro? Cosa ne pensate? Fatemelo sapere qui sotto in un commento o contattatemi sulla mia pagina Instagram ilprofumodelleparole!!
Vi mando un grosso bacio e ci rivediamo al prossimo post, ciaoo!!




sabato 4 novembre 2017

TRE MILLIMETRI AL GIORNO - RECENSIONE

TITOLO: Tre millimetri al giorno
AUTORE: Richard Matheson 
PREZZO: 9,90 euro
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
VOTO: 3 ★★★


TRAMA

Durante una gita in barca, Scott Carey è esposto a una nube radioattiva. Qualche settimana più tardi, preoccupato per le proprie condizioni di salute, si sottopone ad alcuni controlli medici e scopre con orrore che non solo sta perdendo peso, ma è anche diventato più basso: ha cominciato a rimpicciolirsi, in un processo irreversibile, tre millimetri al giorno. In un crescendo di orrore inarrestabile, Carey vede i suoi tentativi di proseguire una vita normale svanire e perdere di logica, per trasformarsi in una continua lotta per la sopravvivenza  tra insetti giganti e pericoli impensabili.
Ed è solo l'inizio del suo viaggio verso l'ignoto...



CONSIDERAZIONI

Era da davvero moltissimo tempo che volevo immergermi in questa lettura. 
La trama è fantastica e terrificante allo stesso tempo...
Solo a pensare che io mi potessi rimpicciolire di tre millimetri al giorno diventando sempre più piccola fino a trovarti faccia a faccia con un ragno "gigante" che vuole mangiarti, scavalcare immensi tavoli per trovare qualche briciola di cibo beh, non è cosa da poco.

Però non è scattata la scintilla tra noi due. 

Ogni volta che interrompevo la lettura per studiare o qualsiasi altro servizio, non avevo quella voglia smaniosa di riprendere in mano il libro e scoprire come continuerà l'orribile avventura del nostro protagonista. 

La causa può essere solo una...

LO STILE DI SCRITTURA!

Non so se voi avete letto questo libro o qualsiasi altra opera di Richard Matheson (tra l'altro scrittore molto importante per aver creato la famosissima opera Io sono leggenda) ma io l'ho trovata un po' pesante..
Ma non quel pesante causato dalle troppe descrizioni ma proprio una pesantezza che riguarda l'intera storia!

E poi, mi aspettavo tutt'altra cosa da questo romanzo...

Mi aspettavo che l'intera storia si narrasse solamente nei vari giorni che Scott mano a mano si rimpicciolisce! Invece la storia ha due tempi di narrazione: 

Il primo, dove vediamo il nostro protagonista già piccolissimo e deve affrontare le varie vicissitudini che la situazione gli causa;
La seconda, vediamo invece i vari giorni in cui lui sta effettivamente diventato sempre più piccolo. 
E' molto interessante questo tipo di narrazione, ovviamente, però a me mi ha scocciato..
Infatti ci ho messo moltissimo a finirlo di leggere e vi dico che sono solamente 232 pagine quindi non posso manco dire che era un mattone. 

Comunque sia ve lo consiglio se volete una lettura corta, piena di ansia (fidatevi questo romanzo sprizza ansia ovunque ahahah) e azione senza dimenticare però il lato umano e psicologico del nostro protagonista.







Eccoci arrivati alla fine Amanti dei libri!!
Spero che la recensione vi sia piaciuta! Voi avete letto questo romanzo? Se si, ditemi cosa ne pensate o qui sotto in un commento o sulla mia pagina Instagram ilprofumodelleparole!!
Vi mano un grosso bacio e ci rivediamo al prossimo post, ciaoo!!